You are currently viewing Storia di un Natale in famiglia, un Natale a Casa Base

Storia di un Natale in famiglia, un Natale a Casa Base

Cari amici di Casa Base,
mentre vi scriviamo i nostri bambini e ragazzi sono a scuola, ormai ripartita da un paio di giorni. A Chieri e Avigliana si sono concluse queste lunghe vacanze di Natale, dense di emozioni e con ancora qualche preoccupazione, ma anche piene di ottimismo e desiderio di disegnare speranze nuove per il futuro. La magia del Natale è sempre terapeutica per i nostri piccoli, grandi ospiti. Il calore, l’affetto, l’attesa sognante, i sorrisi che in quei giorni riempiono le comunità sono per loro un diritto e per noi, che ce ne prendiamo cura, dovere e missione.

Vi raccontiamo allora un po’ di quella magia, atterrata a Casa Base Chieri e Avigliana grazie ai tanti amici che già hanno sostenuto la nostra campagna di raccolta fondi invernale!

A come Attesa

Il Natale in comunità vogliamo viverlo, guardarlo e attenderlo ogni giorno! Le nostre case di Chieri e Avigliana in questo periodo riflettono tutti i colori delle feste, addobbate con decorazioni e pensieri realizzati da bambini e ragazzi. C’è poi il profumo del Natale: quello di dolci e squisitezze preparate insieme agli amici volontari e agli amati servizio civilisti. C’è il cenone di Natale con un menù speciale, tutto da vivere e da gustare insieme, in attesa del mattino seguente. Che tu sia bambino, ragazzo o educatore poco cambia: scartare un regalo sotto l’albero la mattina del 25 dicembre è la più dolce delle emozioni!

A come Apriamo i regali

“Mi è arrivata la macchina foto e l’orologio e il Ken che tanto desideravo, sono felicissima!”

N., 9 anni

Anche quest’anno i 20 ospiti delle due Casa Base hanno visto esaudirsi piccoli, grandi desideri. A incartare quei regali siamo stati noi educatori, accompagnati a distanza da ognuno di voi, amici e sostenitori. Se N. di Casa Base Avigliana è stata felice di trovare il tanto atteso orologio, a Chieri il regalo di gruppo più sospirato era l’X-Box: come potete immaginare nei giorni seguenti siamo stati in mondi paralleli costruiti con Minecraft, abbiamo aiutato i supereroi della Marvel a proteggere la Terra, siamo diventati chef di un ristorante stellato con il gioco Overcooked e abbiamo imparato infiniti “trick” con lo skate senza dover lasciare il calduccio della comunità! 

G. (13 anni):

“mi è piaciuto il Natale perché abbiamo mangiato tantissimo e scartato dei bei ragali!” 

I regali hanno hanno accontentato tutti i gusti: quelli più tecnologici come Mp3, cuffie e controller per giocare con il tablet, e quelli più alla moda, outfit completi con jeans e felpa ma anche tanti calzini e un pigiama a forma di panda! Sotto l’albero non c’erano solo i nostri – e vostri – ragali ma anche quelli portati di persona da qualche amico speciale.

A come Amici

Fra i tanti Rossella, volontaria del cuore di Casa Base Avigliana e nostra elfa di Natale, che ha portato pensieri per tutti. Grazie a lei e suoi tanti splendidi amici, che l’hanno aiutata a riempire un sacco pieno di doni.

Parlando di amici, a Chieri abbiamo riabbracciato Brigitta e Flavia, ex educatrici che ci mancano ogni giorno,  passate a trovarci per trascorrere insieme un bel pomeriggio con tombolata e fetta di torta, per festeggiare insieme il compleanno di Flavia. Sempre a Chieri, un sorriso enorme ci è stato donato da genitori e parenti di alcuni dei nostri ragazzi: felici e grati del percorso che stanno vivendo, hanno inviato a compagni e operatori una montagna di dolci e parole d’affetto.

A come Avventura

Come da Letterina di Natale, il desiderio per queste vacanze, per l’inverno tutto e per l’anno che ci aspetta, era regalare a bambini e ragazzi esperienze nuove, un ritorno alla piena socialità, nuove attività e progetti per arricchire di contenuti (e di qualche distrazione) l’importante percorso che stanno affrontando in comunità.

Qualche nuova avventura insieme già l’abbiamo vissuta! A Chieri, dove i ragazzi hanno in media qualche anno in più dei loro compagni di Avigliana, abbiamo sperimentato mille e più acrobazie volanti da Bounce – Il parco dei trampolini ed esplorato le meraviglie della savana al Bioparco Zoom. E ancora: siamo andati a pattinare sul ghiaccio, a fare infiniti giri in giostra e una doppia tappa al cinema. Non potevamo perderci i film di Spiderman e Diabolik!

C, 13 anni:

“questo Natale tutti i miei desideri sono stati accontentati, mi sono divertita un mondo ad andare sui pattini e a saltare al bounce”

Proprio in quei giorni abbiamo fatto i conti con un paio di tamponi positivi. Normale in questo periodo, ma le ovvie misure di sicurezza ci hanno rubato qualche giorno all’aperto. Sia il gruppo Chieri che quello di Avigliana sono lo stesso riusciti a godere di qualche giorno in montagna, in una casa prestataci dagli amici di Fondazione Paideia.

Sono stati giorni speciali e spensierati. Se con lo spirito ci siamo riposati, le gambe non hanno mai smesso di muoversi: abbiamo portato a casa grandi scivolate con bob e slittino e i più temerari hanno scoperto lo snowboard. Sì, abbiamo anche preso quache lezione!

L, 13 anni:

“Io non vedevo l’ora di andare in montagna per provare lo snowboard per la prima volta. È stato bello, anche se difficile, e ho imparato a frenare in due modi!”

D., 11 anni:

”All’inizio non mi piaceva tanto, perché ero sempre per terra. Poi ci ho preso gusto e non volevo più smettere!”

A come Augurio

A proposito di avventure a buoni auspici, dimenticavamo Capodanno! Quest’anno vince quello di Casa Base Avigliana. Poco avventuroso e passato tra le mura della comunità per rispettare una quarantena, ci ha lo stesso permesso di ammirare i fuochi d’artificio che illuminavano da lontano la Sacra di San Michele e la nostra Valle tutta. Un’immagine di bellezza che ha riempito occhi e cuori di bambini ed educatori. E’ quella bellezza che speriamo ci accolga in questo 2022. Ne abbiamo tutti bisogno, dentro e fuori Casa Base. E allora buon 2022 da Casa Base, buon viaggio verso il futuro!

Francesca, Chiara
e gli operatori di Casa Base