You are currently viewing Franco, Maria Rita e L.: quattro chiacchiere fra amici

Franco, Maria Rita e L.: quattro chiacchiere fra amici

A fine giugno la Comunità di Casa Base Avigliana compirà 10 anni. Dal 2011 ha ospitato 44 bambini in uscita da percorsi di vita complicati, di maltrattamento o privazione. 10 anni di cura, ma anche di amicizia, eventi di comunità, in una città che ci ha accolti da subito come fossimo famiglia.

Di quella famiglia fanno parte Maria Rita e Franco, sostenitori generosi che da anni si prendono cura a distanza dei nostri bambini: i regali di Natale e le vacanze estive per chi sta in comunità sono sempre il regalo dei tanti “nonni” e “zii” che tifano per loro da casa. Fra quei nipoti acquisiti c’è L., 10 anni e un futuro da giornalista, che insieme all’educatrice Cristina ha voluto intervistare e salutare i nostri due amici. Un pomeriggio della settimana scorsa li hanno videochiamati!

Amici, sostenitori
e nonni

L.: Come avete conosciuto Casa Base?

Maria Rita e Franco: “In modo casuale! Dobbiamo ringraziare una chiacchierata con Don Ugo, Sacerdote di Avigliana la cui parrocchia è vicinissima alla vostra comunità. Una persona da sempre vicina a voi e a tante realtà che fanno del bene ad Avigliana. Da subito, ci parlò molto bene di Casa Base…”.


L.: “Vi ricordate la prima volta che ci avete incontrati
?”

Maria Rita e Franco: “Questa bella videochiamata con te è in realtà il primo contatto diretto con voi bambini, ma ovviamente abbiamo conosciuto la vostra struttura grazie a contatti frequenti con Daniela, la responsabile della Comunità, e Gabriele, il Presidente della vostra Cooperativa Paradigma. Parlando con loro abbiamo da subito toccato con mano serietà, organizzazione ed entusiasmo. È stato bello incontrare persone che lavorano, e fanno del bene, senza guadagnarci”.

L.:  “Però avete partecipato a qualche nostro evento, vero?”

Maria Rita e Franco: “Certo! Siamo venuti prima ad un evento di Natale e poi in qualche altra occasione, anche se a causa dei tanti impegni lavorativi ci siamo fermati poco. Ma il pensiero c’era sempre!”

L.: “Cosa fate nella vita?

Franco:  “Io e Maria Rita abitiamo qui ad Avigliana e abbiamo 2 figli e ben 4 nipoti: potremmo essere i tuoi bis nonni! Io sono un imprenditore ormai in pensione, non ho più cariche operative, ma la mia azienda è qui in città e continuo ad andare in ufficio, perché i problemi che tutti i giorni si presentano necessitano di decisioni che passano ancora dal mio ufficio. Quindi ho un po’ più di tempo rispetto a prima, ma non così tanto…”.

Maria Rita: “Io invece ho insegnato per 32 anni all’Istituto Galilei ad Avigliana. Ero professoressa di Diritto, economia e finanze nei corsi per Ragionieri Programmatori. Ora sono in pensione e ogni tanto guardo i nipoti… anche se ora sono lontani, un po’ come voi”.

L.: “Perché avete scelto di aiutarci?

Maria Rita e Franco: “Perché volevamo aiutare un’organizzazione che fa del bene nella nostra città. Come ti dicevamo, parlare con Don Ugo ci ha fatto scoprire voi bambini di Casa Base e i vostri bisogni. Poi vi abbiamo conosciuti di persona, ci hanno colpito la serietà e l’entusiasmo dei tuoi educatori, e non abbiamo più smesso di starvi vicini!”

L.: “Quanti anni avete?

Franco: “Io vorrei ribaltare la domanda… guardandoci negli occhi quanti anni ci dai?”

L.: “50 o 60?

Franco: “Mmh L.… forse dovresti mettere degli occhiali! Ne abbiamo di più, sono 80″.

L.: “Complimenti, non vi davamo 80 anni!

Franco: “Mi fa davvero piacere essere stato scambiato per un sessantenne. Mi hai dato una grande carica!”

L: “Allora vi salutiamo, grazie per la vostra disponibilità e speriamo di vederci presto di persona…”

Franco: “Grazie a te, sei stata molto brava! Ma le domande te l’eri preparate prima?”

L.: “Solo le prime, le altre invece le ho improvvisate io!”

Maria Rita e Franco: “Sei stata più brava nelle domande improvvisate, hai un futuro da giornalista assicurato. Un abbraccio, a presto e complimenti a tutti voi!”.

 

#InsiemeSiamoComunità